lunedì, Aprile 22, 2024
spot_img
HomeNewsClaudio Baglioni, Gran Finale per la sua carriera all'Arena Di Verona! Ecco...

Claudio Baglioni, Gran Finale per la sua carriera all’Arena Di Verona! Ecco le date…

Dopo i 26 eventi trionfali che hanno già rubato il cuore a oltre 300mila persone e segnato il commiato di Baglioni dalle grandi arene indoor, l’ultimo tour di Claudio Baglioni aTUTTOCUORE” va ancora oltre, per un fantasmagorico gran finale: nella meraviglia dell’Arena di Verona, l’ultima occasione per vedere, dal vivo nell’anfiteatro scaligero, l’opera show più visionaria, spettacolare ed emozionante nella storia della musica popolare italiana.

Baglioni: Gran Finale all’Arena di Verona

Claudio Baglioni

Claudio Baglioni e l’Arena di Verona celebrano l’anniversario del loro incontro. Un connubio, nato cinquant’anni fa, che si radica nella storia di una città simbolo dell’amore romantico di tutti i tempi e che accoglie l’eccezionale evento outdoor dell’artista che, con le sue esibizioni, ha incantato molte notti veronesi. Per questo straordinario “plus ultra“, secondo capitolo dei 1000 giorni del “giro d’onore” che accompagnerà il congedo dalla scena live di Baglioni, “aTUTTOCUORE” vivrà in un’edizione speciale ancora più spettacolare, favolosa, ancora oltre: un’ulteriore impresa per avvicinarsi al limite massimo dell’arte e della perfezione e al confine estremo del concetto stesso di Opera.

Claudio Baglioni, 1000 giorni per lasciare le scene

Una separazione difficile, quella di uno dei padri della canzone d’amore italiana, ed il palcoscenico. A Baglioni servono 1000 giorni per “guardarsi un’ultima volta” con il suo pubblico. Il tour,  dopo il debutto alla Vitrifrigo Arena di Pesaro, ha proseguito con 5 date al Forum di Milano, 3 date all’InAlpi Arena di Torino, 2 date all’Arena Spettacoli Fiera di Padova, 2 date all’Unipol Arena di Bologna, 3 date al Nelson Mandela Forum di Firenze, 3 date al Pala Sele di Eboli, 1 data al Modigliani Forum di Livorno, per terminare con 6 live consecutivi al Palazzo dello Sport di Roma. Ora è arrivato il momento di “scendere nell’Arena” e guardare dritto negli occhi questo lungo addio. I biglietti per l’Arena di Verona sono già disponibili su TicketOne.it e nei punti vendita e nelle prevendite abituali. In “aTUTTOCUOREplus ultra” energia e passione si fondono per creare l’armonia perfetta tra musica, canto, danza, spazio, suono, performance, costumi, movimenti scenici, giochi di luce e immagini tridimensionali. Il Cuore primo strumento di ogni essere umano, percussione essenziale per la vita stessa di ciascuno di noi , è al centro di questa rappresentazione, firmata, per la direzione artistica e la regia teatrale, da Giuliano Peparini.

Claudio Baglioni “A Tutto Cuore” Con le coreografie di Giuliano Peparini

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuliano Peparini (@giulianopeparini)

Rileggendo e fondendo insieme l’intuizione di Richard Wagner del teatro-totale a quella – elaborata da Walter Gropius , del teatro ricavato rimodulando spazi e architetture già esistenti, “aTUTTOCUOREplus ultra” dà vita a uno spettacolo ambientato in un futuro a-temporale, con citazioni che partono dalla notte dei tempi per muovere fino a epoche futuribili. Il cuore vitale, palpitante e inarrestabile dei protagonisti di queste vertiginose salite e discese lungo l’immaginaria scala del tempo, batte per restituire un cuore a questo presente che sembra averlo smarrito, e ricordare che l’unico tempo reale e che vale davvero la pena di vivere è quello che ha la velocità, la cadenza e il ritmo del battito del nostro cuore: il metronomo con cui battere il tempo a tempo di musica, il solo orologio con l’ora esatta, il solo a cui dare retta. Tutto, sul palco e intorno al palco, è ricerca di bellezza. Bellezza che semina bellezza. La musica, innanzitutto, grazie a una scaletta mozzafiato che raccoglie 38 straordinari successi senza tempo di un repertorio che non ha eguali dell’Artista che ha segnato indelebilmente la storia della musica del nostro Paese, ricco di brani-manifesto che sono entrati a far parte del linguaggio e della cultura italiani e che continuano a regalare fascinazioni, emozioni e nuove energie a tre generazioni. Ma bellezza sono anche le coreografie, i 550 costumi originali, disegnati e realizzati appositamente per questi live, i movimenti scenici, la statuaria fisicità dei ballerini, l’energia e vitalità dei performer, le proiezioni e gli spazi e i tagli di luce creati dai 450 corpi illuminanti programmati dal light designer Ivan Pierri.

Un palco 3D per l’ultimo show dal vivo di Baglioni

Sull’immenso spazio scenico 3D, nel quale tutte le dimensioni – orizzontalità, verticalità, profondità – vengono esplorate ed esaltate, la narrazione fonde i linguaggi del cinema e del teatro. Racconti per immagini, sviluppati, per la prima volta in un live di Baglioni, su grandi schermi e atmosfere, costumi e tatuaggi tribali che richiamano pellicole come “Mad Max” o “Codice Genesi” si mescolano, infatti, al ruolo e agli interventi di un coro che si ispira alla tragedia greca e a imponenti movimenti scenici che richiamano gli allestimenti teatrali delle rappresentazioni operistiche. Ben un centinaio, infatti, gli artisti sul palco: 21 polistrumentisti e 80 performers. Seppur con dimensioni e numeri da grandi arene in e outdoor, “aTUTTOCUORE” (che chiude, idealmente, la trilogia aperta da Al Centro e proseguita con 12noteTutti su!) mantiene vicinanza, intimità e pathos di quegli spettacoli teatrali nei quali tutto, fino al più piccolo dettaglio è visibile ad occhio nudo, per consentire ad artisti e pubblico di incontrarsi e vivere cuore-a-cuore uno show nato, interpretato e offerto a tutto cuore, tutta forza, tutta gioia, tutta energia.

Serena Basciani
Serena Basciani
Classe '83, romana, i miei primi amori sono stati Dante Alighieri e Giovanni Falcone. Ho studiato lettere e sono appassionata di linguaggi dei mass media. Adoro analizzare i dati di ascolti tv e sono follemente innamorata del Festival di Sanremo, da sempre. La parte che preferisco di questo lavoro è quella che mi porta a conoscere le persone, in tutte le loro sfaccettature, per questo mi piace tantissimo fare interviste. In età adulta ho sviluppato una sfrenata passione per Carl Gustav Jung. Descrivermi in 3 parole? “Mangio Scrivo Amo” … al 100%!
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments